Shiatsu biodinamico

Per info e appuntamenti: Angela Bonfadini 348 5719446
Operatrice professionale certificata

Quando lo shiatsu ti è d’aiuto?

Puoi ricorrere a una seduta di shiatsu in caso di mal di schiena, dolori cervicali, contratture muscolari, dolori articolari,(artrosi, lombalgie, sciatalgie, discopatie, periartriti), mal di testa, mal di stomaco e disturbi del ciclo mestruale. Può essere inoltre utile per la gestione dello stress, per alcuni spiacevoli stati emotivi (ansia, depressione, insonnia), per le situazioni di stanchezza cronica,  per alcuni problemi posturali anche durante la riabilitazione dopo un incidente, o più semplicemente per ritagliarti un momento da dedicare a te stesso. 

Nel caso dei bambini, che sono coinvolti nella seduta insieme con uno o entrambi i genitori, lo shiatsu può essere indicato per affrontare iperattività, disturbi dell’attenzione, debolezza del sistema immunitario, problemi comportamentali e altri tipologie di disagio. 

 

Come funziona?

Lo Shiatsu Biodinamico nasce dall’incontro tra il massaggio Shiatsu tradizionale e la Biodinamica Craniosacrale.
La pressione con le dita è la tecnica principale di cui si avvale lo Shiatsu, a cui si aggiungono tecniche di mobilizzazione, stiramento e scioglimento della colonna vertebrale, delle articolazioni e dei muscoli tipiche del tuina-anma, prestando un’attenzione particolare ad “Ampuku”, il trattamento degli organi e delle viscere. Durante una sessione di shiatsu, grazie al profondo rilassamento che raggiungerai, riuscirai ad ascoltare i tuoi ritmi più sottili e lenti.

In questo modo le tensioni fisiche ed emotive trattenute dai tessuti possono essere più facilmente rilasciate. L’ascolto, il sostegno e il contatto non invasivi caratteristici della Biodinamica Craniosacrale, ti consentiranno di accedere a uno stato di sospensione, di quiete dove agiscono le fondamentali forze di guarigione.

massaggio shiatsu

Due parole sullo Shiatsu

Il massaggio Shiatsu affonda le proprie radici nell’ascolto e nell’istintivo portare le mani sulla parte dolente. Shiatsu si può infatti tradurre come “pressione con le dita”. E’ un massaggio che abbraccia l’idea che l’energia fluisca attraverso il corpo tramite canali che lo percorrono, chiamati Meridiani. Il fluire libero di questa energia all’interno dei Meridiani reca equilibrio e salute, la difficoltà nel fluire dell’energia reca invece disequilibrio o malattia. E’ importante sottolineare come in questo ambito la malattia sia intesa non solo come tentativo della persona nella sua globalità di comunicare un disagio, un bisogno, ma sia già un’azione concreta del corpo e delle forze che lo abitano, tesa a ricreare un terreno d’equilibrio. Quando questa tensione trova un sostegno, in questo caso da parte dell’operatore, ha la possibilità di dispiegarsi e agire alla radice del problema. Nello Shiatsu il contatto profondo delle mani può essere una via per sostenere e nutrire l’equilibrio della persona. Il massaggio e l’ascolto permettono di raggiungere un rilassamento profondo dove il respiro si armonizza ed è possibile scaricare stress e tensioni per attingere a uno stato di benessere. Durante una seduta, il ricevente può approfondire la percezione della propria struttura fisica ed energetica e a attivare  l’innato meccanismo di riequilibrio presente in ciascuno di noi.